Orario di lavoro, assenteismo e nuovi strumenti nel 2019

assenteismo

Assenteismo: come si calcola ed a cosa serve? Conoscere l’incidenza delle assenze degli addetti sulla disponibilità di lavoro è un elemento fondamentale per la gestione delle risorse umane in azienda.

Un tema ricorrente nelle richieste aziendali è quello dell’orario, una variabile gestionale ed organizzativa fondamentale nelle strategie produttive per massimizzare l’utilizzo delle risorse, ottimizzare la produttività e l’efficienza del lavoro.

Le imprese sono particolarmente sensibili ed attente al tasso di assenteismo come si evince dal tipo di domande che ci rivolgono.

Cos’è il tasso di assenteismo?

Per chiarire il concetto bisogna citare la definizione: il tasso di assenteismo indica l’incidenza delle ore di assenza sulle ore che teoricamente il lavoratore dovrebbe prestare in azienda [in base alla normativa di legge e di contratto]

Quali sono le causali considerate?

Per stimare il numero di ore di assenza è necessario sommare le ore perse per:

  • Malattia non professionale
  • Infortunio e malattia professionale
  • Congedi parentali retribuiti
  • Permessi retribuiti vari: permessi studio, visite mediche, ecc.
  • Permessi non retribuiti
  • Assemblea

A cosa serve il tasso di assenteismo?

Il tasso di assenteismo è una variabile fondamentale per individuare alcuni aspetti gestionali, ad esempio:

  • Definire gli organici ottimali
  • Misurare le performance e l’efficienza del lavoro
  • Calcolare i premi individuali

A tal fine avere a disposizione uno strumento di benchmarking che permette di confrontare il proprio tasso di gravità delle assenze con quello medio è molto apprezzato dalle imprese.

Qual è il tasso di assenteismo nella nostra area?

Per rispondere in modo puntuale ed argomentato a domande più specifiche come questa è necessario l’aiuto delle imprese. A tal fine ogni anno effettuiamo la rilevazione su orari ed assenze dal lavoro per monitorarne costantemente il trend. Lo scorso anno ad esempio abbiamo rilevato un tasso di assenteismo medio nell’area torinese del 6,5% con differenze rilevanti per qualifica, genere, dimensione aziendale e settore di attività.

Come cambierà quest’anno il tasso di assenteismo?

Con la rilevazione che partirà in questi giorni raccoglieremo le informazioni necessarie a dare risposta a questa ed altre domande quantitative. A questa prima fase di raccolta dati seguirà nel mese di aprile quella dedicata all’indagine retributiva 2019 con cui aggiorneremo la quotazione di mercato dei profili professionali più strategici presenti nelle aziende.

Grazie al prezioso contributo delle imprese, tra maggio e luglio saremo in grado di fornire tutte le informazioni aggiornate al 2019, utili alla funzione H.R. per la definizione dei budget e l’aggiornamento delle politiche organizzative e gestionali.

Le aziende che collaborano alla realizzazione del progetto ottengono sempre un benchmarking personalizzato sia del calcolo del proprio tasso di assenteismo, sia del posizionamento nel mercato salariale dei lavoratori più strategici in forza.

Nuove tematiche verranno esaminate nei prossimi mesi attraverso le indagini sul lavoro. Rimanete sintonizzati per approfondire le strategie gestionali e gli strumenti innovativi nel 2019.

Ivan Sinis

About Ivan Sinis

Da circa 20 anni analizzo informazioni e dati per fornire indicazioni alle imprese su: organizzazione del lavoro, retribuzione e politiche salariali, previsioni di budget, analisi del costo del lavoro, gestione degli orari. Inoltre elaboro confronti internazionali, analisi di geomarketing e benchmarking relativi ai salari, al costo del lavoro ed agli orari adottati dalle imprese nei diversi Paesi di interesse.

Rispondi